Biografia

Robert Capa
22 Ottobre 1913 – 25 Maggio 1954

robert capa

Endre Ernő Friedmann, fotografo Ungherese, nato a Budapest nel 1913. Costretto ad emigrare all’estero fin da giovanissimo, cambiò nome divenendo il celebre Robert Capa, annoverato come il più celebre fotografo di guerra di tutti i tempi.

Storia

Il giovane Endre, che militava nel partito comunista locale in Ungheria, venne coinvolto in violente proteste contro il governo e per questo fù costretto a emigrare all’estero.
Trovò lavoro presso uno studio fotografico di Berlino, dove iniziò a collaborare con l’agenzia fotografica Dephot. Nel 1933, a soli 20 anni, Endre dovette lasciare la Germania a causa delle sue origini ebraiche. Si rifugiò in francia, dove cercò lavoro come fotografo freelance.
La svolta, nella sua carriera fotografica, accadde tra il ’36 e il ’39.
In quegli anni si trova in Spagna per documentare gli orrori della guerra civile spagnola. Fù allora che Endre, insieme alla sua fidanzata (e collega), decise di inventarsi una nuova identità. Sicuramente aiutato dalla mancanza di mezzi per confermare la veridicità delle sue affermazioni,  Endre creò per se un alter-ego, riuscendo a spacciarsi per un fantomatico fotografo statunitense, ovviamente famoso e accreditato in patria, da poco in europa in cerca di nuove sfide.
Apparve quindi per la prima volta il “personaggioRobert Capa, pseudonimo che il fotografo portò con se fino alla fine dei suoi giorni.

Non fù di certo uno pseudonimo a dare a Capa le proprie abilità come fotografo, eppure, grazie a questo espediente, riuscì a moltiplicare le proprie commesse e a guadagnare molti soldi.
Dopo pochi anni, precisamente nel 1947, Capa ed altri soci fondarono la famosa agenzia fotografica Magnum Photos.

Fotograficamente parlando

Robert Capa è considerato il più famoso fotografo di guerra, egli documentò ben cinque diversi conflitti :

  • guerra civile spagnola (1936-1939)
  • seconda guerra sino-giapponese (che seguì nel 1938)
  • seconda guerra mondiale (1941-1945)
  • guerra arabo-israeliana (1948)
  • prima guerra d’Indocina (1954)

Divenne estremamente famoso grazie a una foto, scattata nel 1936 durante la guerra civile spagnola
Essa ritraeva un soldato proprio mentre veniva colpito da un proiettile. Sicuramente parliamo di una delle foto di guerra più famose mai scattate, soprattutto perché al centro di lunghe discussioni e polemiche riguardo la sua autenticità.
Morì nel 1954 mentre faceva il suo lavoro, fù vittima di una mina anti-uomo mentre riprendeva il conflitto in Vietnam.

Lo stile

Molte delle fotografie di Capa erano crude ma raccontavano la guerra in tutti i suoi aspetti, riuscivano a descrivere perfettamente gli stati d’animo dei “protagonisti”, immergendo l’osservatore nella scena. La sua carriera come fotografo di guerra fù sicuramente aiutata dal periodo storico in cui viveva, uno tra i più bellicosi della storia. D’altra parte, la grande intraprendenza di capa gli permise di essere sempre nel posto giusto per poter raccontare la guerra dal suo punto di vista.
La sua citazione più famosa recita “Se le tue foto non sono buone, vuol dire che non eri abbastanza vicino” lo rappresenta in pieno.
Capa sicuramente non era uno che predicava bene e razzolava male, sempre in prima linea, le sue foto proponevano un punto di vista in primissimo piano, limitando al minimo qualsiasi barriera tra la sua macchina fotografica e il soggetto che intendeva fotografare.